CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO
CASA TIZIANO

Casa Tiziano . 210 mq . architettura . interior design . direzione lavori

 

Casa Tiziano è un appartamento di circa 210 mq, nel quartiere Flaminio di Roma, collocato al quarto piano di una palazzina costruita negli anni 60, che per le sue particolari connotazioni progettuali è inserita tra gli edifici di rilevante interesse architettonico della Sovrintendenza Capitolina.

Prima della ristrutturazione molte delle superfici murarie erano rivestite con boiserie di legno scuro, che rendevano gli ambienti cupi e privi di luce.

L’idea progettuale è stata quindi quella di rendere gli spazi più aperti, meno frazionati, ma anche chiari, giovani e in qualche caso giocosi; spazi adatti a una giovane famiglia con tre bambine piccole.

L’accesso alla casa avviene attraverso un ampio corridoio, quasi intatto nella sua forma originaria, dal quale si riesce a vedere l’Auditorium di Renzo Piano e i Monti Parioli.

Nel soggiorno, la zona pranzo è in comunicazione diretta con la cucina attraverso un grande portale vetrato ed è definita da un tavolo rotondo, disegnato appositamente per la casa, con un piano in grafite. Accanto al tavolo, il divano e due poltrone color giallo senape definiscono un angolo conversazione, alle spalle del quale, un vetro fisso permette un’ulteriore trasparenza sulla cucina.Il salone è poi diviso a metà da una libreria leggera di mensole bianche in aggetto, al di là delle quali si trova la zona camino e televisione: un ambiente definito e raccolto ma permeabile e in comunicazione visiva con il salone.

Sullo sfondo del grande ambiente, il camino è il vero protagonista dello spazio conviviale: preesistente alla ristrutturazione, è stato completamente ridisegnato nella forma e nei materiali.

La zona notte è suddivisa in due aree: la zona bambine e la padronale. Alla zona bambine si accede attraverso un’ampia area gioco, attrezzata con un grande mobile, che assolve non solo una funzione pratica, ma anche e soprattutto ludica: sei ampi rettangoli, decorati in fantasie e toni colorati, servono come spazio gioco, nascondiglio e arrampicata. Da questo spazio si entra poi alle due grandi camere da letto, comunicanti tra loro e al bagno studiato in funzione delle esigenze di tre bambine e della loro successiva fase di crescita: dotato di un lungo lavabo con tre rubinetti distinti e separati e di un grande ambiente doccia all’interno del quale è inserita anche una vasca. La zona padronale, è dotata di camera da letto, cabina armadio e un grande bagno con doppio lavabo, doppia doccia e una grande vasca sotto finestra.